Risarcimento danni auto per la caduta di un albero

Risarcimento danni auto per la caduta di un albero

A Causa del maltempo, capita sempre più frequentemente che le auto vengano danneggiate da eventi inaspettati. Tra questi, la caduta di alberi è forse uno dei più scongiurati.

Ma chi paga i danni subiti?

Ipotizzando un evento dove la caduta di un albero, o di un ramo, vada a danneggiare o distruggere un’auto, in relazione all’articolo 2051 del nostro Codice Civile, il responsabile dovrebbe essere il proprietario dell’area sulla quale si trova l’albero caduto, salvo che quest’ultimo abbia la possibilità di provare il caso fortuito. In sostanza, se l’albero in questione è situato su una strada urbana o extraurbana, la responsabilità ricadrebbe sul comune, nel primo caso, sulla regione, la provincia o l’Anas nella seconda ipotesi.

Per poter procedere alla richiesta di risarcimento, si dovrà quindi inviare una diffida all’ente di riferimento (comune, regione, provincia, Anas) tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. In questa si dovranno elencare, oltre ai dati del veicolo e del proprietario, il luogo e la data dell’accaduto, le foto dell’accaduto, il preventivo o fattura di riparazione.

Invece, qualora l’albero incriminato si trovi presso un’area privata, il danno dovrà essere imputato al proprietario del terreno.

Il padrone dell’auto danneggiata, identificato il proprietario del terreno su cui si trovava l’albero, dovrà procedere con l’invio della diffida, avvalendosi, in questo caso, del principio della responsabilità solidale tra il possessore dell’appezzamento e l’amministrazione locale, com’è previsto dalla Corte di Cassazione, con la sentenza n.20448/2014.