Euro NCAP, le auto fanno il pieno di sicurezza

le auto fanno il pieno di sicurezza

Oggi Euro NCAP ripercorre il 2019, uno dei suoi anni più indaffarati di sempre, e attende le sfide che arriveranno negli anni a venire. L’anno scorso sono state testate cinquantacinque auto, che rappresentano 26 diverse marche.

Un numero così elevato significa che quasi tutte le auto (92 percento) vendute in Europa l’anno scorso hanno ottenuto un rating Euro NCAP valido, offrendo ai consumatori preziose indicazioni di sicurezza su quasi tutti i modelli che potrebbero prendere in considerazione per l’acquisto. Solo il tre percento delle auto nuove vendute non è stato valutato da Euro NCAP.

E cosa ci dicono le valutazioni? Circa il 75 percento delle auto testate lo scorso anno ha raggiunto il massimo livello di sicurezza a cinque stelle. Per fare questo contro i requisiti Euro NCAP 2019, hanno dovuto essere dotati della più recente tecnologia di prevenzione degli incidenti.

La frenata autonoma di emergenza (AEB) era di serie su circa il 90 percento delle automobili e opzionale su un ulteriore cinque percento. Il rilevamento dei ciclisti, promosso da Euro NCAP solo dal 2018, era già di serie su circa l’80% delle nuove auto testate. A ciò si aggiungono gli alti tassi di installazione dei sistemi di assistenza alla velocità e di sostegno alla corsia e le auto di oggi sono più sicure che mai, grazie alle iniziative di Euro NCAP e alla volontà dell’industria automobilistica di raccogliere la sfida.

Euro NCAP e il mercato automobilistico europeo sono all’avanguardia, ispetto a molte altre parti del mondo, grazie all’adozione di innovative attrezzature per la sicurezza.

Il 2020 introduce nuovi test per la sicurezza e la prevenzione degli incidenti e, per la prima volta, per la sopravvivenza post-incidente, con le auto premiate per le funzionalità che consentono un salvataggio sicuro e rapido degli occupanti. Euro NCAP incoraggerà le case automobilistiche a continuare a offrire i massimi livelli di sicurezza ai propri clienti e garantire che i consumatori possano fare affidamento sulle proprie valutazioni per i migliori consigli sulla sicurezza.

Fonte